giovedì 21 agosto 2014

LA CASA E I SUOI ODORI

Uno dei luoghi comuni è quello di attribuire al nostro bagno la principale responsabilità dei cattivi odori che avvertiamo girare per la casa, ignorando però di fatto che tale colpa è da addebitare a tutto un altro ambiente, la cucina, scopriamo come eliminare le principali "puzze" che si generano in questa stanza.

Ecco allora dei  suggerimenti per mantenere la nostra cucina profumata (ed anche più pulita ed igienizzata, elemento che non guasta affatto!)


E partiamo dalla lavastoviglie



un elettrodomestico ormai molto diffuso nelle nostre case, ma spesso utilizzato in maniera errata, sistemando i piatti sporchi prelevandoli direttamente dalla tavola senza soffermarsi a pensare che il filtro della pompa tratterrà tutti i residui più grandi con conseguente produzione di cattivi odori, residui che possono restare anche bloccati tra i ripiani della lavastoviglie stessa.

  • Una buona norma per l'utilizzo della lavastoviglie è quella di passare rapidamente i piatti sotto un getto di acqua corrente per rimuovere la maggior parte dello sporco, lasciando alla lavastoviglie il compito finale di sgrassare e disinfettare pentole e stoviglie
  • Un'altra buona norma è quello di pulire periodicamente con acqua e aceto i ripiani della lavastoviglie o anche di aggiungere mezzo limone al momento del lavaggio

Un altro elettrodomestico che è fonte di cattivi odori è il forno

Quando infatti cuciniamo qualche appetitosa ricetta in forno il calore libera vapori grassi che restano attaccati alle pareti del forno, senza contare il condimento che può fuoriuscire dalla teglia e che costituisce un ottimo spunto per la formazione di cattivi odori.

  • Anche in questo caso acqua ed aceto compiono il miracolo,questa miscela assicurerà una perfetta pulizia delle pareti e del fondo del nostro caro forno
  • se al termine della pulizia avvertirete ancora un cattivo odore, niente paura, basterà posizionare all'interno del forno un bicchiere con una miscela di acqua bollente e succo di limone per veder sparire anche questo residuo
  • Un'azione ancora più efficace è data dal "cuocere" per una mezz'ora una teglia con acqua ed il succo di 3 limoni, profumo assicurato!

Anche il frigorifero costituisce una fonte di cattivi odori, generati da residui di frutta e verdura che restano dimenticati in qualche angolo dei cassetti o da qualche alimento particolarmente "odoroso" che contribuisce al (cattivo) aroma generale del nostro frigorifero

La ormai solita miscela di acqua e aceto compie il miracolo anche stavolta eliminando radicalmente tutti i cattivi odori, e affinchè il profumo della pulizia effettuata duri a lungo prendete l'abitudine di posizionare in frigo un bicchiere di bicarbonato o qualche fondo di caffè, entrambi noti per l'elevato potere assorbente.

E per la frittura????

  • la prima azione da compiere ovviamente è quella di bloccare la diffusione dell'odore della frittura alla sola cucina, avendo cura di chiudere bene la porta e di aprire la finestra 
  • è possibile ridurre la produzione dell'odore di frittura aggiungendo all'alimento in cottura una buccia di limone o una fettina di mela, sostituendole man mano che si anneriranno
  • E se ci sarà da pulire le piastrelle in cucina, fatelo con acqua calda e bicarbonato, ottimo sgrassante naturale che ridurrà anche l'inquinamento delle acque evitandoci di utilizzare specifici detersivi. 
Tanti sono i metodi e segreti per poter tenere puliti la nostra casa ma queste rimangono per me le migliori

Buona giornata amici :-)

Posta un commento